“Grazie per l’aiuto” – “E’ naturale”

Una settimana senza tata, che proprio il lunedì è caduta e deve stare a riposo una settimana. Un infermo? All’inizio, quando il panico ha preso il sopravvento, anche perché nel nostro caso non abbiamo nonni in città. Ma poi – come nel gioco del tetris – mio marito ed io abbiamo “incastrato” tutti i nostri impegni, quelli dei figli e alla sera eravamo tutti a casa, stanchi ma sereni. Ho riscoperto doti da massaia - fare le pulizie è meglio di due ore in palestra, ed è gratificante vedere il risultato, immediato molto più di quanto si stende un business pan! – ma anche da crisis manager – quando il treno era in ritardo e il figlio fuori da scuola ad aspettarmi. Ma soprattutto ho riscoperto il valore di un partener di fianco a me, che c’è e aiuta. Perché se è vero che in azienda la squadra mista è vincente, lo è altrettanto a casa se il padre aiuta e tutto il peso della parola “conciliazione” non è solo sulle spalle della mamma. Ho detto mille “grazie, tesoro” “arrivo, scusa”  e lui mi guardava con aria stupita, dicendomi “figurati, mi sembra naturale!” . Ecco perché sono riuscita a lavorare questa settimana, e perché non escludo di fare un altro figlio: perché siamo due genitori!

Fare la mamma è un lavoro? Diventa una tagesmutter!

Oggi vorrei raccontarvi la storia di una mamma che ci ha scritto, Cristina. E che ha trasformato un problema in una nuova opportunità. L’inizio è – purtroppo – quello di sempre: due maternità, impossibilità di conciliare i tempi, dimissioni e diversi anni a casa, con tentativi di rientrare nel mercato del lavoro, ma ai propri ritmi. Ma il proseguo è diverso: questa mamma si è presa il tempo di seguire e crescere i propri figli ed ora che sono un po’ più grandi ha fatto tesoro dell’esperienza ed è diventata una “professionista mamma”. Cioè una tagesmutter. Questo termine in Italia ha un significato ancora poco preciso – associato a volte a micro nidi, nidi condominiali, servizio di baby-sitter – e nonostante l’impegno formale del Governo la normativa è frammentaria e complicata. Ma, come ci ha spiegato Cristina, ce la si può fare, con volontà e determinazione. Oggi lei ha trasformato questa sua esperienza in un’attività professionale al fine di essere utile a tante altre mamme e vuole condividere con chi fosse interessato la sua esperienza. Vi allego quindi qui la brochure della sua attività. In questa giornata grigia di pioggia (almeno a Milano) ecco una buona novella! Ecco la sua brochoure: Cristina la tagesmutter